domenica 11 ottobre 2015

[BlogTour] Destini Ingannati di Cristina Vichi: Quinta Tappa




Buona domenica meravigliosi lettori!

Oggi ospitiamo la nona tappa del BlogTour del Libro Destini Ingannati di Chiara Vichi SCHEDA LIBRO.

L'autrice ha anche organizzato un bellissimo Giveaway di cui trovate le regole in fondo al post!

In questa tappa vi presenteremo le ambientazioni del libro! Pronti a scoprire qualcosa di più di questo romanzo?

Questo romanzo è ambientato in un’epoca storica ben precisa, ovvero tra il 1796 e il 1806, ma non ci sono riferimenti storici con nessun avvenimento accaduto in quegli anni e tutti i luoghi sono inventati. Per questo motivo mi piace considerarlo un Romanzo Fiabesco.

I veri protagonisti di questo libro sono gli Intrighi di Corte, che sconvolgono le vite dei personaggi, cambiando completamente il corso degli eventi e del loro destino.

Il Destino viene quasi personificato e assume un ruolo fondamentale per far raggiungere ai personaggi quell’equilibrio che avrebbero dovuto avere senza gli inganni degli uomini.

Dalla trama:

Ma per quanto tempo il destino può essere ingannato?
Le azioni di chi vuole impedire a tutti i costi che la verità venga svelata saranno proprio le cause che porteranno ad essa: ecco la vendetta del destino.


CASTELLO DI SEBENFAR: È la dimora del Conte Ambrosio Amadòr, avuta in eredità dal padre, il Conte Guglielmo Amadòr.
Il Conte Ambrosio non è solo all’interno di questa smisurata tenuta, con lui abita il fratello Amedeo, che ha i propri appartamenti in una parte del castello. Vi abitano, inoltre, diversi servitori, tra i quali i più importanti sono Ester, che è stata la balia di Edoardo e il figlio Lorenzo, un ragazzo di circa vent’anni.
Questo è un castello di dimensioni straordinariamente ampie, sia internamente che esternamente.
È avvolto da un giardino sconfinato, che lo rende particolarmente affascinante e suggestivo; l’erba è tagliata bassa e i cespugli sono potati in maniera da sembrare persone: vi sono dame con graziosi ombrellini e gentiluomini con i loro bastoni. Un bellissimo arco ricoperto di glicine emana un profumo dolce e delicato, che si espande nell’aria. Inoltre ci sono ciliegi, peschi e grandi querce.
Per raggiungere l’entrata si deve percorrere una lunghissima stradina coperta di ghiaia, ai lati della quale ci sono un’infinità di margherite.
L’interno è particolarmente sfarzoso: le stanze hanno dimensioni smisurate, i corridoi sono lunghissimi, lussuosi tappeti rossi coprono scale e pavimenti e maestosi quadri adornano tutte le pareti.







CASTELLO DI ARCANSEL: È la dimora della Contessa Ludovica Amadòr, moglie di Edoardo Amadòr, suo cugino. Ella ha avuto questo castello in eredità dalla madre Lucrezia con l’approvazione del padre Amedeo. Questa residenza ha dimensioni contenute ed è particolarmente distante dal castello del Conte Ambrosio.

Ludovica è riuscita a tenere il marito lontano da Sebenfar per dieci lunghi anni, ma un avvenimento imprevisto accende la determinazione di Edoardo che decide di fare ritorno in quelle terre lontane, dove ricordi ed intense emozioni metteranno a dura prova il suo cuore.










ABITAZIONE DI MIRIAM: È una casa semplice, ma esteticamente molto carina. All’esterno c’è un piccolo giardino con due ciliegi a cui è attaccata un’altalena: il tutto recintato da una staccionata di legno con un cancelletto. I davanzali sono adornati con fiori colorati All’interno gli spazi sono ristretti, ma è tutto molto accogliente: graziose tendine azzurre decorano le finestre, c’è un piccolo tavolo di legno con quattro sedie. La casa di Miriam si trova nel villaggio delle terre di Sebenfar: per raggiungere il castello a piedi ci vuole circa mezz’ora. Al centro di questo villaggio c’è la statua di San Francesco, collocata nella piazzetta più importante del borgo.






VILLAGGIO DI ALBATER: È il villaggio dal quale proviene Jacopo. È un paesino particolarmente piccolo, non più di dieci abitazioni. Le case sono costruite in modo semplice: la struttura della base è esagonale e fatta di legno, mentre i tetti sono di paglia finemente intrecciata. Sono abitazioni tutte vicine, disposte fra loro in modo circolare. Jacopo è molto restio a parlare del luogo dal quale proviene: forse perché tutto è iniziato da lì.








VILLAGGIO DI ARABAS: È il luogo in cui Miriam ed Edoardo, quando stavano insieme, fantasticavano di andare a vivere: ne avevano sentito parlare per caso da un forestiero. Esso è collocato in una splendida valle, affascinante e suggestiva, dove ci sono sterminate praterie con bellissimi cavalli selvaggi e ricche sorgenti. A quel tempo Miriam ed Edoardo avevano fantasticato ore su quelle immagini, non vedendo l’ora di realizzare il sogno di vivere insieme. Poi tutto aveva preso una piega sbagliata ed erano stati separati per dieci lunghi anni.







BOSCO: È in assoluto il luogo dalle atmosfere più emozionanti, al centro della natura, con tutti i colori e i rumori che lo circondano. In questo ambiente accadono fatti molto importanti al fine della storia.

Vi accenno qualcosina, senza sbilanciarmi per non fare spoiler!

Nel bosco: accadono incontri inaspettati… ci sono riunioni segrete e pericolose… scappano baci accidentali… si può fuggire… avvengono chiarimenti e dichiarazioni…







REGOLE PER PARTECIPARE ALGIVEAWAY:

1) Diventare Follower del blog autrice. CRISTINA VICHI
2) Mettere MI PIACE alla pagina Facebook dell’autrice. CRISTINA VICHI FACEBOOK
3) Diventare Follower dei blog che ospitano le tappe e il Giveaway del tour.
4) Condividere l’evento su FACEBOOK (per chi ha un blog inserire banner)

IMPORTANTE: Per partecipare basta inserire il nome e la propria email sotto ad una qualsiasi tappa del blog tour o del Giveaway finale.




DI SEGUITO I LINK AI BLOG SU CUI TROVATE LE ALTRE TAPPE


7/10   LA FENICE BOOK 
8/10 SCRIBACCHIANDO IN SOFFITTA
9/10 LA RAGAZZA CHE ANNUSAVA I LIBRI 
10/10 TOGLIETEMI TUTTO MA NON I MIEI LIBRI 
12/10 LA BIBLIOTECA DI EIKA
13/10 TANTA VOGLIA DI TE… ALLA PESCA 
15/11 ATELIER DI UNA LETTRICE COMPULSIVA

2 commenti: