domenica 12 luglio 2015

Recensione: Freddo come la pietra di Jennifer L. Armentrout


Prezzo: € 14,90
E-book: € 7,99
Pagine: 463
Editore: Harlequin Mondadori
Genere: Paranormal Romance


Son passate due settime da quando Roth si è sacrificato per salvare Zayne e Bambi ha deciso di diventare il nuovo famiglio di Layla, tutto sembra tornato alla normalità fino a quando a scuola non iniziano ad accadere cose strane che destano parecchi sospetti... E quando oramai Layla aveva perso tutte le speranze di rivedere Roth ecco che si presenta dai Guardiani: è tornato dagli Inferi perchè a quanto pare è stato creato un Lilin e Demoni e Guardiani dovranno collaborare per salvare se stessi e l'umanità...

Quando ho ricevuto questo libro ho iniziato a sorridere felice come un bimbo davanti ai regali di Natale: lo aspettavo da un po' e non immaginavo che sarebbe arrivati in Italia tanto voelocemente e invece eccolo qui, tra le mie mani!
Temo sempre molto le saghe, perchè di solito il primo volume è splendido e quelli successivi perdono un pochino di quel fascino iniziale, ma non è il caso di Freddo come la pietra con il quale la Armentrout ha confermato ancora una volta la sua bravura.
Se in caldo come il fuoco i due protagonisti erano Roth e Layla in questo volume il bellissimo principe degli Inferi viene un po' trascurato e tutto si concetra soprattutto su Layla e Zayne, permettendo così al lettore di conoscere meglio il biondo Guardiano e scoprire anche così le proprie preferenze!
Layla è sicuramente diversa dalla ragazzina del primo volume, nonostante abbia ancora quell'aria da cucciolo impaurito è sicuramente più forte e nonostante il suo cuore venga ferito più volte anche da coloro che chiamava famiglia riesce sempre a rialzarsi. Zayne finalmente si mostra in maniera quasi completa, certo mantiene ancora un certo alone di segretezza e non si capisce mai fino a che punto sia fedele a Layla o a suo padre, che è anche il capo del suo clan...
Tanti i momenti carichi di tensione sessuale, ma tutto resta sempre accennato ed è come una leggera nebbia che incombe su Roth, Layla e Zayne: il triangolo amoro qui è molto più accentuato rispetto al primo volume, Layla si ritrova divisa tra il principe infernale e il guardiano e pur avvicinandosi maggiormente a Zayne in lei c'è sempre qualcosa che la spinge verso Roth, facendo fare al suo cuore delle capriole olimpiche!
I battibecchi tra Roth e Zayne sono spasosissimi e molti dialoghi tra i vari protagonisti vi strapperanno più volte un sorriso: personalmente mi son trovata spesso a ridacchiare delle loro battute o leggendo cosa combinavano ogni volta che si trovavano insieme!
Dei vari personaggi che ogni tanto fanno capolino lungo la lettura mi hanno colpito molto Danika, la Guardiana interessata a Zayne, che ha non solo un cuore immenso, ma è anche un donna molto intelligente e capace di andare oltre i suoi sentimenti... Poi vi è Abbot, il capo clan padre di Zayne, così imperscrutabile, che solo alla fine mostra tutto ciò che nasconde il suo anime e ancora una volta ci si ritroverà a chiedersi se sono davvero i demoni i cattivi di questa storia!
Il racconto riprende due settimane dopo i fatti che sancivano la fine di Caldo come il fuoco e ancora una volta il lettore non ha nemmeno il tempo di pensare che in un battito di ciglia si ritrova già completamente immerso nel racconto, capendo fin da subito che qualcosa non va e che come sempre non sarà facile trovare una soluzione veloce ed efficace!
La Armentrout riesce a dare molti indizi al lettore su ciò che sta accadendo tra le pagine di Freddo come la pietra, ma nulla viene colto e fino all'ultimo la verità non viene a galla, la suspense cresce pagina dopo pagina e quando si arriva alla fine i colpi di scena che si susseguono lasciano il lettore senza fiato in cerca di rimettere insieme ogni pezzo e il risultato finale è che ancora una volta questa storia ha creato nel lettore una vera e propria dipendenza!
Se da un lato il lettore impara a conoscere un pochino meglio Zayne dall'altro ha modo di scoprire qualcosa di più sui demoni e su come vivono in mezzo ai mortali: non che non mi piaccia il romanticismo, ma ho trovato davvero molto stucchevole Zayne, che una volta scioltosi davanti a Layla come un cioccolatino al sole diventa tutto cuoricini e passione repressa, di conseguenza la sana cattiveria dei demoni aiuta a non finire affogati nell'eccesso di miele creato dal giovane guardiano e senza dubbio tutto ciò che accade ancora una vota tra Roth e Layla stuzzica maggiormente la curiosità del lettore.
L'ambientazione è divisa tra la scuola, la villa dei guardiani e il palazzo dei demoni, ogni tanto vi sono piccoli accenni ad altri luoghi, ma per lo più i vari protagonisti si muovono sicuri in queste tre direzioni: la Armentrout come spesso accade non ha lesinato le descrizioni e tutto viene descritto con una tale e precisa cura che si ha sempre l'idea di esser materialmente insieme a Layla, Roth e Zayne e di osservare ciò che fanno dal vivo!
Freddo come la pietra è un po' meno azione e un po' più romanticismo, ma nonostante ciò è coinvolgente, emozionante e mai noioso, ma in fondo si sa che la Armentrout sa come incuriosire i lettori, mantenere alta la curiosità ed evitare che vi siano momenti meno avvincenti di altri: tutto in questo libro è come una scarica elettrica, non si finisce mai di stupirsi e ogni volta che si gira una pagina non si sa mai cosa sta per accadere e cosa investirà il lettore!
Una lettura veloce, avvincente, divertente e perfetta per tutti, senza distinzione di sesso anche se è consigliabile ad un pubblico un pochino più adulto sia per le scene splatter sia per la carica erotica che trasuda da ogni pagina!
Il terzo volume di questa trilogia uscirà in America il 28 Luglio e non resta che sperare che venga pubblicato in Italia quanto prima!
Con freddo come la pietra Jennifer L. Armentrout e Harlequin Mondadori hanno conquistato il primo posto nei libri che a mio parere sono perfetti per queste giornate calde e afose, certo sentirete brividi caldi scorrervi lungo la schiena, ma la lettura è talmente piacevole che vi farà scordare tutto il resto!



"Ti amo Layla. Mi hai sentito? Ti ho amato fin dal primo momento in cui ho sentito la tua voce e continuerò ad amarti. A qualunque costo, a qualunque prezzo." Roth






valutazione 5

5 commenti:

  1. Sono contenta che ti é piaciuto*-*
    È uno dei prossimi libri che leggerò♡. Sono gia impaziente v.v

    RispondiElimina
  2. Io non lo conoscevo ma non so se lo leggerei :)

    RispondiElimina
  3. Ho adorato alla follia il primo volume e aspettavo con ansia questo secondo volume...rimarrò del Team Roth, mi spiace per Zayne ma sono certa che anche dopo questo volume non potrò tradire il caro Principe degli Inferi...bella recensione, mi hai fatto venir ancora più voglia di leggerlo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca tutta la vita TeamRoth :p

      Elimina
  4. >.< ancora non ho letto il primo.. ho troppo da leggere ahahahha però so che vado sicura con la armentrout
    mi sono lasciata rapire dalle vecchie saghe , quella di kelley armstrong e adesso Lu Marie, visto che da poco è uscito il 3 volume *-*

    RispondiElimina