sabato 26 dicembre 2015

Books & Babies [Recensione]: La fine del cerchio di Beatrice Masini


Prezzo: € 12,00
E-book: € 9,99
Pagine: 155
Editore: Fanucci
Genere: Romanzo
Età: 12 Anni

Dopo una grande catastrofe sulla Terra non c'è rimasto più nessuno, gli umani sono scappati altrove e tutto è rimasto come lo hanno lasciato... Dopo qualche anno gruppi di bambini guidati da un Vecchio vengono depositati da navi spaziali sulla Terra in vari luoghi: dovranno imparare a procurarsi acqua e cibo e ripopolare e far tornare a vivere quel mondo di cui non conoscono nemmeno la storia...

La fine del cerchio ha vinto il Premio Strega Ragazzi e dopo averlo letto posso affermare che un libro di tale portata non poteva passare inosservato e non venir premiato in qualche modo!
In un futuro non precisato su una Terra devastata ed abbandonata in seguito a non si sa bene quale catastrofe gruppi di ragazzini vengono depositati qui e là ed hanno il compito di far rivivere quel pianeta un tempo meraviglioso... Ma questi ragazzini, alcuni ancora veri e propri bimbi, non sanno nulla del passato di questo pianeta e il loro stesso presente è incerto: non conoscono nulla, per la prima volta scoprono la bicicletta, le matite o i cani e attraverso i loro occhi il lettore guarderà questo mondo così strano e misterioso, si emozionerà per l'acqua che scende dal cielo o per il rumore dentro una conchiglia!
Un libro fato di sorprese, meraviglie, emozioni primordiali e spontanee, tipiche di un bimbo che scopre il mondo.. Questo sarà un viaggio alla riscoperta di ciò che con il tempo per noi è diventato abitudine, portandoci a non scorgere più la bellezza delle piccole cose.
I bambini sono gli architetti del futuro, nelle loro mani è riposta tutta la fiducia dei vecchi e attraverso le pagine de La fine del cerchio ci si ritrova a domandarci se una volta cresciuti questi bimbi non finiranno per fare gli stessi errori di chi li ha preceduti o se forse dovendo ricominciare da capo, vivere come milioni di anni fa vivevano gli uomini primitivi non sia d'aiuto e sia quindi possibile evitare di commettere il soliti sbagli.
La Terra che vi verrà mostrata attraverso gli occhi di questi giovani esploratori è un mondo nuovo, che è sopravvissuto nonostante le tante ferite che gli sono state inferte e che giorno dopo giorno ha lottato per continuare a far fiorire le piante e nutrire gli animali...
Il libro è diviso in tre parti, ognuna racconta di un gruppo differente di bambini e in ciascuna ogni bimbo viene ben descritto, soprattutto a livello caratteriale ed anche se sono per lo più bambini ognuno di loro ha un suo segno distintivo...
I capitoli sono brevi, con pochissimi dialoghi e tantissime descrizioni, ma mai pesanti o noiosi ed ognuno scava a fondo nel lettore, che incapace di smettere di leggere finisce per arrivare in pochissime ore alla fine, con negli occhi le immagini di un mondo pronto a tornare a vivere e gruppi di ragazzini intrepidi, che non conoscono nulla a parte la loro curiosità...
Naturalmente durante la lettura bisogna sempre ricordarsi che si ha tra le mani un libro per ragazzi, lo si deve leggere con animo leggero senza cercare di analizzarlo come si farebbe con un libro per adulti, perché in tal caso non solo si commetterebbe il grande errore di non comprenderlo, ma si finirebbe anche per non apprezzarlo e giudicarlo in maniera sbagliata...
La fine del cerchio è sicuramente un libro adatto a tutti quegli adulti che danno tutto per scontato, che travolti dalla solita routine non riescono più ad emozionarsi facilmente e con questo libro sicuramente hanno un'occasione per ricominciare da capo...
Lettura consigliatissima anche ai ragazzi, soprattutto quelli dei giorni nostri, che hanno tutto e non hanno più bisogno di nulla, attraverso i piccoli protagonisti di questo libro imparerebbero la bellezza del meravigliarsi per un gessetto colorato o per una farfalla che vola tra i fiori...
Prendete in mano La fine del cerchio e riscoprite insieme ai suoi piccoli protagonisti la bellezza della vita e della rinascita!


valutazione 5

1 commento: